Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Cari amici, ecco la seconda parte della sintesi della storia e della geografia dei tappeti orientali tratto da Persepolis. Un fascino davvero senza tempo.

Pazyryk: La storia del tappeto ha inizio

Il più antico esemplare di tappeto fu ritrovato nel 1947 al confine tra la Siberia e la Mongolia, sui monti Altai, precisamente nella valle di Pazyryk, dalla quale prese il nome, in un tumulo “kurgan” apparternuto ad un capo sciita, interamente racchiuso nel ghiaccio e quindi per questo, quasi perfettamente conservato. Completamente in lana e con motivi raffiguranti una teoria di cavalieri e alci, questo esemplare è databile intorno al V secolo a.C. e, dato il luogo del ritrovamento, fa ritenere che in origine l’uso del tappeto si sia sviluppato nella zona del Turkestan, dalla quale, in seguito alle migrazioni, si sarebbe diffuso verso ovest in Persia, Caucaso e Anatolia, verso est in Cina e, più tardi, verso sud in India.

E’ oggi conservato al Museo dell’Hermitage di San Pietroburgo e misura cm 200 x 183 ed è composto da 360.000 nodi di tipo turkibaft per metro quadrato. Il disegno è composto da un campo centrale e da una bordura divisa in due cornici principali delimitate da tre cornici secondarie. La cornice principale esterna, a fondo rosso, è decorata da una processione di cavalieri (sette per ogni lato proprio come la tradizione sciita, che erano soliti inumare sette cavalli per ogni capo morto), alcuni dei quali procedono in sella mentre altri marciano di fianco al loro cavallo bianco. Nella cornice principale interna, a fondo chiaro, si muovono ventiquattro alci rossi e gialli in direzione contraria ai cavalieri. Le cornici che delimitano la bordura presentano dei quadrati con all’interno un grifone. Il motivo floreale della cornice che separa la marcia dei cavalieri dal pascolo di alci ricorda la croce di sant’Andrea. Il campo centrale è diviso in ventiquattro quadrati a fondo rosso, con un disegno a forma di croce le cui estremità terminano con un fiore stilizzato. Una piccola cornice formata da piccoli quadratini colorati decorano ognuno dei ventiquattro quadrati.

Nonostante sia stato rinvenuto a migliaia di chilometri dalla Persia, secondo Rudenko, uno dei due studiosi Russi che scoprirono il manufatto, il tappeto è probabilmente di origine persiana, magari frutto della dinastia achemenide. Altri invece, ritengono che il tappeto fu eseguito avvalendosi del contributo dell’evoluta civiltà degli Urartei, fiorita in area armena. Presso tale popolo, infatti, la tessitura era quanto mai evoluta, come confermano sia gli scritti dello storico e geografo greco Strabone sia il rinvenimento di telai e frammenti di manufatti. Inoltre proprio nel regno di Urartu si usava estrarre il colore porpora dalla cocciniglia, tinta che compare con abbondanza nel tappeto di Pazyryk.

Lo stesso Rudenko, alcuni anni dopo il ritrovamento del tappeto di Pazyryk, rinvenne, in un tumulo a Basadar (200 chilometri ad occidente dai cinque kurgan di Pazyryk), i resti di un tappeto annodato ancora più finemente del Pazyryk (circa 700.000 nodi per metro quadrato). Questa scoperta dovrebbe quindi dimostrare come le popolazioni altaiche, già nel V secolo a.C., utilizzassero i tappeti e fossero addirittura in grado di annodarne.

Tra Storia e Leggenda: Il tappeto di Cosroe

Il grande sviluppo della lavorazione del tappeto avvenne nell’antica Persia e durante il regno di Ciro (sec. V A. C.) si realizzarono i primi tappeti tessuti con fili d’oro e d’argento; il culmine si raggiunge nell’epoca dei Sasanidi (225-600 d.C.).
Fonti storiche e letterarie infatti, narrano che nel palazzo di Ctesifonte, capitale dell’antica Persia sasanide, il re Cosroe, che detenne il potere dal 531 al 579 d.C, possedeva uno splendido e prezioso tappeto, di oltre 1600 Mq (si narra che fosse di 25 x 65 metri) tessuto con fili d’oro e decorato da pietre preziose. Questo capolavoro andò purtroppo perduto quando gli Arabi, nel 634 d.C, invasero e conquistarono la Persia. La sua bellezza doveva essere davvero senza pari: un tripudio di disegni e di colori, tutti utilizzati per esaltare la suprema armonia della natura.
Secondo una leggenda, infatti, fu tessuto per consolare il sovrano, amante della caccia e della vita all’aria aperta, nelle tristi giornate d’inverno.
Riproduceva boschi, ruscelli e prati popolati da animali di ogni specie e ravvivati da variopinti fiori. Ammirandolo il re placava il suo animo, che nella stagione fredda diventava crudele, e ritornava tollerante verso i suoi sudditi.

 

Read Full Post »

Cari amici di Marotta Tappeti, oggi vi proponiamo la prima parte di una splendida sintesi della storia e della geografia dei tappeti orientali tratto da Persepolis. Le immagini provengono invece dal nostro punto vendita di Moncalieri (TO).

L’arte del tessuto sembra sia stata praticata da antichissime popolazioni indiane trasmessa poi agli assiri. Agli egiziani si deve l’invenzione e diffusione del telaio, modesta ai suoi inizi, limitata come era nelle lane usate con tinte naturali: bianche, brune, castane, nere e grigie. L’arte del tappeto diviene l’affermazione della civiltà quando al tessuto si poté dare varietà e carattere attraverso la fantasia del disegno e le varietà del colore, evoluzione che si realizzò nei tempi remoti. Dagli affreschi della necropoli di Tarquinia e di Settecamini presso Orvieto, si può affermare che gli etruschi conoscevano già l’uso del tappeto orientale, naturalmente come oggetto di gran lusso.

Di fronte alla scarsità di reperti e manufatti antichi, dobbiamo necessariamente riferirci alle testimonianze degli storici, dei poeti, dei pittori e degli scultori per sapere che il tappeto faceva parte della vita quotidiana di antiche civiltà scomparse.

Per esempio, pile di tappeti sono raffigurati su dei vasi greci, mentre nello Yucatan si sono ritrovati dei bassorilievi che raffigurano personaggi intenti a tessere. Durante gli scavi nell’antica Tebe fu rinvenuto un piccolo tappeto annodato, blu e bianco, con motivi geroglifici che risalirebbe al IV secolo A.C..

Eschilo nel suo “Agamennone” fa camminare l’eroe su tappeti color porpora mentre Omero, nel IX secolo A.C., parla già di tappeti di grande valore e anche l’Antico Testamento, nei libri di Samuele e di Ezechiele, ne fa riferimento come di oggetti che si usava scambiare e commerciare tra i popoli e i regnanti dell’antica Tiro e di Israele.

I cronisti dell’epoca ci lasciarono gli inventari dei favolosi bottini conquistati dai Persiani e dai Greci nel corso delle loro guerre, e i tappeti sono compresi fra gli oggetti più preziosi.

Lo splendore dei tappeti antichi è testimoniato anche da altre fonti letterarie, tra cui il Milione di Marco Polo, nel quale il viaggiatore veneziano esalta la suprema bellezza di alcuni manufatti annodati che ornavano le regge turche.

Dai testi antichi comunque, si ha quasi sempre solo una panoramica più che altro “economica” del valore dei tappeti e quasi mai informazioni dettagliate sulle tecniche usate: lo stesso Eschilo ad esempio, ci informa che con un Kg. di argento si pagava un Kg. di tappeto e che in media, 1 mq. pesava circa 4 Kg.; Metello Scipione cita i tappeti di Babilonia, e ne parla come di oggetti che avevano un costo stratosferico, mentre lo stesso Nerone, si narra che avrebbe pagato cifre enormi per un esemplare.

Read Full Post »

Cari amici, vi presentiamo oggi un bel vademecum sui simboli della Tradizione Cinese, molto utile per la scelta e la comprensione dei messaggi presenti su porcellane, sculture o tappeti. La fonte dell’articolo, scritto da Silvio Marconi, è tratta da Associna. Le immagini provengono invece dal nostro punto vendita di Moncalieri (TO).

Gli Italiani sono a contatto con le decorazioni cinesi o di origine cinese assai più di quanto non credano e molte di esse sono entrate già nel corso della Storia a far parte dell’universo decorativo che si considera “italiano”.

Generalmente, però, gli Italiani e in larga misura anche i Cinesi di seconda generazione (e perfino quelli di prima generazione, se il loro livello culturale d’origine non è alto) non conoscono il senso dei simboli che sono contenuti in quelle decorazioni e che invece costituisce parte importante sia della cultura cinese in genere, sia del contributo che essa ha dato e dà ad altre culture e potrebbe costituire anche una base  significativa per la valorizzazione (identitaria, culturale, sociale e perfino economica) degli elementi immateriali (storico-culturali) di molte classi di prodotti offerti nei negozi e nei ristoranti cinesi in Italia, contribuendo anche alla crescita dell’attenzione dei clienti italiani per tali prodotti ed a quella stessa dei pezzi.

Pertanto, anche per favorire la sopra-citata valorizzazione (che ha implicazioni interculturali rilevanti), traggo alcune informazioni sui significati di alcuni simboli decorativi cinesi più comuni dal sito in Francese :
http://www.chine-informations.com/mods/dossiers/symboles-dans-decoration-chinoise_1902.html, integrandole con alcuni commenti e notizie storico-antropologiche.

Anatra – rappresenta la fedeltà coniugale; era utilizzata molto, per questo, in coppie nella decorazione delle porcellane cinesi del XIV secolo blu e bianche; va rilevato che quelle porcellane sono state la base da cui (inizialmente cercando di copiarle e contraffarle…) sono nate tutte le manifatture di porcellana o simil-porcellana (come il bone China inglese) dell’Occidente, in particolare quelle tedesche, inglesi, olandesi.

Bambù – rappresenta la longevità e viene spesso associato nelle decorazioni con i pini ed i pruni (ciliegi selvatici).

Carpa – rappresenta il successo in affari ed è spesso associata al dragone, sulla base di un’espressione cinese antica che indicava l’uomo di alto status sociale come “Carpa che salta oltre la porta del dragone”, è usata oggi per augurare prosperità, successo e un buon futuro in genere. Dalla carpa discende la simbologia dei pesci in genere (in particolare rossi o dorati, essendo i colori oro e rosso simbolo di felicità, prosperità, buona fortuna in Cina), che si estende dalla ricchezza alla buona sorte, all’augurio di un nuovo anno e, infine, in coppie, alla felicità coniugale. La presenza di carpe ed altri pesci decorativi (rossi o dorati) nei bacini e nelle fontane dei palazzi cinesi è una tradizione antichissima. Diffusasi poi in Persia e da qui nella Roma imperiale e rilanciata in Occidente nelle ville rinascimentali, nei palazzi del XVII-XVIII secolo e infine nelle ville e nei giardini pubblici moderni.

Cavallo – emblema di velocità ma anche di perseveranza; le immagini dei cavalli sono fra le più utilizzate nelle diverse forme di decorazione piana cinese (pittura, miniatura, ecc.), anche se non si tratta di una concezione autoctona cinese ma centrasiatica, da cui è stata largamente influenzata l’arte persiana e quella occidentale, inclusa quella romana (raffigurazioni e monumenti equestri di età tardo-repubblicana ed imperiale).

Cervo – collegato al concetto di immortalità, perché considerato in Cina l’unico animale che sa trovare il fungo magico dell’immortalità; per questo la personificazione divina della longevità viene raffigurata sempre associata ad un cervo (accanto ad esso o in groppa ad esso).

Cicala – rappresenta l’immortalità ovvero la vita dopo la morte e non ha alcun elemento di negatività come invece nelle favole europee.

Cipolla – rappresenta l’intelligenza, ma (simbologia poi assunta anche dal Sufismo islamico) in articolare nel suo aspetto esoterico, ossia collegata coi significati nascosti della realtà, a “svelare”.

Colomba – come nelle culture iraniche e islamiche (specie nelle correnti su fiche, maggiormente influenzate da concezioni estremo-orientali) la  colomba rappresenta contemporaneamente la fedeltà e la longevità: dal mondo persiano il simbolo è giunto al Medio Oriente e da qui all’Europa, attraverso la cultura greca ed il Cristianesimo primitivo.

Crisantemo – è il simbolo di una delle 4 stagioni, l’autunno (gli altri sono il pruno, il pavone e il loto); mentre in Occidente è  stato associato a morti e funerali, in Cina è simbolo di gaiezza, ma anche di longevità o lunga durata.

Dragone –  all’epoca Han è il simbolo imperiale cinese; gli Han avevano come blasone due draghi che lottano per possedere una perla ardente. E’ il simbolo che anche in Occidente si associa di più alla Cina, anche perché  molto usato nelle decorazioni tradizionali cinesi, specie delle seterie. Ha un rapporto stretto con la carpa e si ipotizza addirittura che ne sia una derivazione-evoluzione concettuale-iconografica; l’associazione col serpente che se ne fà in Occidente è invece del tutto arbitraria. E’ il primo e più potente dei 4 animali sovrannaturali (gli altri tre nell’ordine sono: fenice, liocorno  e tartaruga).

Fagiano  – se il dragone era il simbolo imperiale, l’autorità dell’imperatore era invece simboleggiata dal fagiano; ciò portò ad una separazione simbolica dell’“imperialità” (dragone) dalla “funzione statale” (fagiano), per cui nel tempo il fagiano divenne anche simbolo  di alte funzioni statali.

Farfalla  – simbolo di longevità, molo usato nelle decorazioni cinesi; con i fiori di pruno associa il concetto di bellezza a quello di longevità; con un gatto vuol dire “vivere fino a 70-80 anni”, che in antico era una speranza per molti irraggiungibile.

Fenice – questo uccello mitico è stato usato fin dall’antichità classica come simbolo in molte culture ma la sua origine iconografica è cinese, con apporti iranici-centrasiatici (collegati al culto del fuoco); è il secondo per importanza dei 4 animali sovrannaturali dopo il dragone. Simboleggia la bellezza ed è associato alla figura dell’imperatrice, ma anche ai concetti di pace e ordine, dato che appare solo se vi è pace e stabilità.

Gallo – il gallo in genere è simbolo di protezione contro la sfortuna e di successo in generale. Il gallo giovane (galletto) ha specificamente il ruolo di scacciare i fantasmi, all’alba, col suo canto e più in generale di proteggere dagli influssi astrali negativi.

Gatto – era sacro in Egitto, é diventato (specie ma non solo se nero) animale associato al demonio e quindi perseguitato nel Cristianesimo medievale europeo, mentre in Cina è sempre stato considerato protettore, in ragione della sua ottima vista, contro gli spiriti maligni (che lui vede e gli altri no); in particolare è associato alla seteria, in quanto protettore dei bachi da seta.

Gru – Una delle immagini più diffuse nelle decorazioni cinesi (e per influsso cinese-giapponese): è simbolo di immortalità perché creduta in antico dai Cinesi il corriere degli immortali in cielo, assieme alle nuvole, a cui spesso è associata nelle decorazioni; le gru erano considerate anche coloro che trasportavano in Cielo le anime dei defunti. Per estensione, la gru che vola in cielo rappresenta una elevazione di status dell’uomo.

Leone – Si tratta di uno dei simboli di forza e potenza  più diffuso nelle culture antiche e in genere associato alla regalità, eppure il leone cinese tradizionale ha un senso suo proprio. Infatti, innanzi tutto è rappresentato in genere in coppia (maschio e femmina), con la femmina associata ad un cucciolo (che talora le morde la lingua)  e il maschio associato ad una sfera su cui posa una zampa. L’insieme raffigura la forza sovrumana in termini non realistici (le teste dei leoni sono in genere del tipo “maschera”, con tratti poco leonini) proprio perché si riferisce alla forza di altra categoria da quella semplicemente fisica. Il maschio simboleggia in particolare il dominio cosmologico e normativo (la sfera è una perla che rappresenta la legge, ma anche l’uovo cosmico primigenio), la femmina il dominio sulla vita. Le coppie di leoni si situano all’ingresso delle case, per rafforzarne la protezione.

Loto  – rappresenta una delle 4 stagioni, è simbolo di fertilità e vita ed è assunto dal Buddismo fra gli “otto tesori”, oltre che essere rappresentato in una delle posizioni buddiste della meditazione.

Melograno – in Cina simbolizza tradizionalmente la fertilità (per i numerosi grani che contiene) e specificamente la nascita di molti figli maschi; è però anche simbolo iranico e mediorientale antichissimo e ovunque associato alla fertilità femminile; nell’Islam diventa anche simbolo della comunità dei credenti (la Umma) ed è attraverso i Musulmani che arriva in Occidente.

Orso – di questo simbolo importantissimo dei culti sciamanici siberiani è rimasto poco in Cina, dove comunque lo si usa per rappresentare l’uomo, mentre nei culti siberiani rappresentava l’antenato mitico dell’uomo.

Pavone – simbolo di regalità in Iran fin dalla più lontana antichità, in Cina, il suo significato é contiguo a questo e rappresenta una dignità collegata con lo status; dall’epoca Ming le sue piume erano usate per indicare il rango dei funzionari imperiali. E’ dalla cultura persiana che i pavoni arrivano in Europa come simbolo di regalità ed è attraverso la cultura islamica che i pavoni riappaiono (dopo aver già popolato i giardini della Roma antica) nelle ville e nelle regge europee tardo-medievali.

Peonia – il fiore più importante della simbologia cinese; rappresenta la bellezza e l’amore, l’affetto, ma anche la buona fortuna ed infine la primavera.

Perla – simboleggia la luna, di cui rappresenta l’essenza concreta (la “lacrima”) ed emblema di purezza e bellezza, ma anche della legge.

Pesca – frutto sacro, che dà l’elisir della vita per i Taoisti e più in generale frutto che rende tali gli immortali; la tradizione cinese afferma però che il pesco sacro che ha i frutti dotati di questo potere fiorisce solo una volta ogni 3.000 anni e impiega altri 3.000 anni a far maturare i frutti. E’ anche simbolo nuziale e di primavera.

Pescatore – mentre in Occidente nel Medioevo la società era considerata tripartita (guerrieri sacerdoti, contadini) secondo uno schema germanico, in Cina la società era basata su 4 “ruoli” tradizionali, tutte dotate di sacralità: il saggio (senza distinzioni tra figure cultuali e non),  il macellaio, il contadino e appunto il pescatore, che simboleggia la pazienza, la perseveranza, ed è in rapporto con la carpa.

Pipistrello  – rappresenta la buona fortuna e viene raffigurato capovolto per sottolineare che la buona fortuna é arrivata, secondo l’usanza cinese di capovolgere i simboli per evidenziare che un fenomeno é accaduto;  le “cinque benedizioni” tradizionali cinesi sono: longevità, ricchezza, salute,amore ed una morte naturale (ossia non violenta); esse sono rappresentate da 5 pipistrelli (wu fu). In Cina, quindi, il pipistrello non ha alcuno egli elementi simbolici negativi che possiede invece nell’Occidente cristiano, dove è associato alla morte, al demonio ed alle leggende dei vampiri.

Scimmia – protegge dagli spiriti maligni, ma ha un ruolo meno importante che nella simbologia indiana; la scimmia è spesso associata alla pesca, rubata nel giardino celeste.

Serpente – simbolo negativo da non confondere col dragone; rappresenta infatti il male; come tutti gli elementi della cultura cinese tradizionale, però, non ha solo connotazioni negative e se rappresenta anche l’inganno, simboleggia pure l’astuzia, se è elemento negativo, resta un animale dai poteri sovrannaturali, collegato al mondo sotterraneo come pure all’arte terapeutica (nella quale è usato), pur non avendo lo stesso valore che assume invece in molte culture africane ed in molti culti autoctonici diffusi anche nel Mediterraneo. E’ poco presente nelle decorazioni cinesi.

Tartaruga – è uno dei 4 animali sovrannaturali cinesi e rappresenta la longevità e l’immortalità; nella Cina antica era estremamente importante perché era con gusci di tartaruga che si esercitava una delle pratiche divinatorie, proprio a causa del carattere sovrannaturale dell’animale.

Tigre – rappresenta la forza ed il coraggio, in ambito militare.

Zucca  – rappresenta il microcosmo, contenente contemporaneamente il Cielo e la Terra; associata con il pipistrello e con il carattere shou si usa per augurare lunga vita.

 

 

 

Read Full Post »

Cari amici, abbiamo il piacere di comunicarvi l’imminente inaugurazione della straordinaria stagione di promozioni 2012-2013.

Da oggi infatti, ad ogni nostro tappeto orientale e mobile etnico è stata applicata una percentuale di sconto fino al -70%!

Un’occasione straordinaria per rendere preziosa ogni casa, ricca di tradizione, confortevolezza e significati.

Per chi ancora non ci conosce siamo a Moncalieri, a pochi minuti da Torino, Strada Carpice 22 (qui maggiori informazioni). Da questa settimana, inoltre, saremo aperti anche la Domenica.

Un  altro motivo per venirci a trovare? Eccone alcuni nel video qui sotto!

A presto!

Read Full Post »